{RLW} – Ride The Love Wave – rielaborazione del trauma con l’aiuto del cavallo

  • by

Cavalca l’onda d’amore

Il metodo {RLW} – acronino di “Ride The Love Wave” – nasce dall’esperienza e dal risultato del lavoro di rielaborazione del trauma, con alcune donne e uomini che hanno subito abusi e violenze.

E’ dedicato a tutte quelle persone che per varie vicissitudini, dirette o indirette, non hanno un buon rapporto con il corpo ed hanno energeticamente una sessualità bloccata.

Il trauma: la violazione del Sè

Quando accade che una parte di noi viene violata, l’esperienza risulta talmente dolorosa che molto spesso accade che ci si senta in colpa e un senso di vergogna prenda il sopravento.

Ci si ritrova in un caos mentale che diventa insicurezza; la reazione più immediata e più semplice è quella di “congelare” il nostro sentire, ed anche il ricordo legato a quell’esperienza negativa e devastante che inevitabilmente ci ha cambiato la vita.

Il risveglio della Tigre

Risvegliare la tigre dentro di noi vuol dire ricontattare il dolore e allo stesso tempo essere avvolti da quest’onda che è amore per noi, liberando la nostra energia repressa e vivendo la nostra sessualità come qualcosa di prezioso e unico.

Significa fare l’esperienza della forza della vulnerabilità nell’amorevolezza, riprendendo il potere personale della tigre ruggente.

Il cavallo ci porta proprio lì, ad incontrare la nostra intimità risvegliata, l’amore per noi stessi.

Il cavallo, co-terapeuta

{RLW} - Ride The Love Wave - rielaborazione del trauma con l'aiuto del cavallo

Il percorso terapeutico con il cavallo consente di sciogliere tensioni legate a punti energetici situati nella muscolatura del pavimento pelvico, stimolando il rilascio di emozioni e dolore legati ai traumi subiti ed innescando un processo di auto guarigione.

Il movimento del cavallo presenta caratteristiche particolari che solo questo nobile e meraviglioso animale è in grado di donarci per migliorare il nostro equilibrio psicofisico.

E’ un movimento basculante che ci offre l’opportunità di ri-incontrare parti di noi congelate da anni portandole alla luce, dandoci la possibilità di recuperare il contatto e la sacralità della parte perduta o bloccata.

L’andatura del passo, simula alla perfezione il cammino dell’uomo.

Questo va a creare importanti stimolazioni che permettono alla persona di ottenere benefici e alla mente bloccata di ricominciare il suo naturale processo di elaborazione.

In un percorso così delicato, questo splendido animale, ci offre un sostegno forte e prezioso rispettoso dei nostri tempi , delle nostre chiusure, delle nostre paure.

Il cavallo ci viene in aiuto come co-terapeuta, in sinergia con il supporto psicologico del professionista.

Il suo movimento naturale e la grande predisposizione di questo animale ad aiutarci è un dono preziosissimo che l’esistenza ci offre.

Non ha nulla a che fare con l’equitazione nè con l’ippoterapia.

Non è necessario aver avuto esperienze equestri.

Si viene guidati con piccole indicazioni di mindfulness ad essere presenti nel momento.

Attraverso il corpo si entra in contatto con questa onda di amore verso se stessi che conduce all’auto-guarigione.

Gli effetti della stimolazione bilaterale degli emisferi celebrali per la rielaborazione del trauma

Ogni ricordo è composto di immagini, sensazioni, emozioni e pensieri.

Spesso è il corpo ad accusare il primo impatto.

Il modo in cui le immagini, le sensazioni, i suoni, gli odori vengono percepiti, può riattivare il cervello come se fossimo davanti allo stesso pericolo, scatenando meccanismi neuro chimici e creando una sorta di “allert”.

Il movimento tridimensionale del cavallo permette al cervello di rielaborare in senso positivo il pensiero relativo al ricordo, quindi modifica l’idea di sé e del proprio valore.

{RLW} - Ride The Love Wave - rielaborazione del trauma

La stimolazione bilaterale degli emisferi cerebrali attraverso questo movimento, consente di operare una riconnessione, che ha riscontri a livello neurobiologico, tra il ricordo dell’evento traumatico ed il resto del vissuto nell’esperienza personale.

Contemporaneamente diminuiscono le sensazioni corporee spiacevoli o dolorose e si attenuano le emozioni negative, fino alla scomparsa totale dei sintomi.

Si tratta di un lavoro che agisce su tre livelli, corporeo, emotivo e cognitivo, e conduce all’integrazione delle informazioni fino a formare una nuova memoria.

Il fatto accaduto diventa un ricordo accessibile e gestibile, privo delle connotazioni sintomatiche e disturbanti che lo caratterizzavano.

La persona ricorda ancora l’evento ma sente che tutto ciò fa parte del passato e il contenuto è totalmente integrato.

Capire quale impatto abbia un trauma per il nostro sistema nervoso, comprendere e rielaborare il trauma nel nostro cervello, consente di trovare l‘interruttore giusto sulla strada della guarigione.

Si accede ad un livello di coscienza non giudicante in cui si è in grado, semplicemente, di essere testimoni del flusso di pensieri, emozioni e stati interni che sopraggiungono alla nostra coscienza nel momento in cui scegliamo di fermarci ad osservare.

Un’onda d’amore incondizionato, un nutrimento per l’anima.

Un’esperienza che può davvero cambiare la vita.

Sono a disposizione per qualsiasi approfondimento.

Daya +39 349 82 28 011
info@equus.vision

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *